Servizi digitali accessibili, al via la collaborazione con l’Unione nazionale ciechi di Firenze

Indietro

Servizi digitali accessibili, al via la collaborazione con l’Unione nazionale ciechi di Firenze

Firenze sempre più accessibile a tutti anche in digitale, con servizi semplici da usare e utili nel quotidiano. È l’obiettivo dell’iniziativa di Comune di Firenze e Unione italiana ciechi di Firenze per migliorare l’accessibilità di servizi online e applicazioni grazie alla collaborazione di cittadini con diverse abilità visive. Il progetto, realizzato in collaborazione con Camera di Commercio, Regione Toscana, Confservizi Cispel Toscana e aziende partecipate, ha preso il via con un incontro online per presentare agli associati dell’Unione i servizi pubblici digitali attivi a Firenze e recepire da loro criticità e suggerimenti per migliorare l’offerta. Subito dopo partirà il gruppo di lavoro specifico sull’analisi dettagliata del sito del Comune di Firenze per renderlo sempre più accessibile e performante.

“Siamo impegnati a migliorare e rendere sempre più accessibili i servizi digitali pubblici – ha detto l’assessore all’Innovazione, smart city e sistemi informativi Cecilia Del Re -: un lavoro complessivo che riguarda i tanti siti, applicazioni e servizi sviluppati in momenti diversi, rispetto ai quali i cittadini con diverse abilità visive possono indicare la strada migliore per procedere dal punto di vista dell’accessibilità visiva. Obiettivo dell’iniziativa non è solo rispettare al meglio alle norme sull’accessibilità, ma anche coinvolgere gli utenti finali dei servizi digitali per arrivare insieme a migliorare l’offerta”.

“L’Unione italiana ciechi ed ipovedenti di Firenze è lieta ed orgogliosa di partecipare a quest’iniziativa - ha detto Niccolò Zeppi, presidente Uic Firenze -. Da sempre la nostra associazione si impegna per promuovere il concetto di accessibilità digitale per persone con disabilità visiva: ‘Firenze Digitale’ si pone non come obiettivo finale ma come punto di partenza di una rinnovata collaborazione con le istituzioni locali, che hanno avuto la sensibilità e la volontà di accrescere l’inclusione digitale dei disabili visivi attraverso un continuo dialogo mirato a semplificare l’accesso ai servizi di una parte di cittadinanza che ritiene di poter avere un ruolo sempre più attivo proprio grazie alla fornitura di strumenti accessibili”.