Nuove Acque: terminata la prima fase del progetto di alternanza scuola-lavoro

Indietro

Nuove Acque: terminata la prima fase del progetto di alternanza scuola-lavoro

Prosegue anche per il 2018 l’impegno di Nuove Acque nell’ambito del progetto governativo “alternanza scuola-lavoro”, previsto dalla cosiddetta legge della “buona scuola” (107/2015). In base al protocollo firmato con l’ufficio scolastico regionale per la Toscana già 8 studenti dell’ITIS Galileo Galilei (6) e dell’ISIS Buonarroti Fossombroni (2) tra gennaio e febbraio, rispettivamente per una e due settimane, sono stati ospitati negli uffici e negli impianti del gestore del servizio idrico della provincia di Arezzo e parte della provincia di Siena. Ora partirà la seconda fase del progetto con il coinvolgimento di un massimo di altri 20 studenti del triennio superiore (terza e quarta) che per una o due settimane tra giugno e settembre saranno inseriti in azienda per svolgere i tirocini formativi. Sarà l’ufficio scolastico regionale a definire con i vari istituti i tempi e i modi di attivazione e svolgimento dell’affiancamento degli alunni con i tecnici di Nuove Acque.

Gli otto studenti che hanno terminato questa esperienza formativa, sotto la supervisione di un tutor, hanno affiancato il personale dell’azienda nelle aree Produzione, Depurazione e chimico / Laboratorio, quelli del Galileo, e nella Direzione Investimenti. Si tratta di un momento importante per i ragazzi che in una fase decisiva per le scelte sul proprio futuro cominciano a “respirare” lo spirito di squadra, le motivazioni, i progetti, le criticità e più in generale la quotidianità dell’ambiente lavorativo. Il tutto all’interno di un’azienda come Nuove Acque, dove ogni giorno tecnici e impiegati sono impegnati nella gestione del servizio idrico integrato sul territorio dell’Alto Valdarno.

I progetti in alternanza saranno svolti dai tirocinanti secondo le normative vigenti in tema di sicurezza. Contestualmente all’affiancamento “sul campo”, infatti, tutti gli studenti partecipano anche ad alcuni specifici corsi di formazione su rischi, prevenzione e protezione sul posto di lavoro.

Il progetto governativo “alternanza scuola – lavoro”, attraverso gli uffici scolastici regionali e le aziende del territorio, nasce per rafforzare il raccordo tra questi due mondi che rappresentano tappe fondamentali nella vita di ognuno per offrire agli studenti opportunità di alto e qualificato profilo verso l’acquisizione di competenze specifiche spendibili nel mercato del lavoro, compatibilmente con i rispettivi indirizzi di studio.

Secondo l’intesa siglata tra Nuove Acque e l’ufficio scolastico toscano quest’ultimo si impegna a far conoscere agli istituti i percorsi e le attività co-progettate, sostenendo le varie iniziative, realizzando occasioni di formazione e monitorandone l’efficacia. Da parte sua, l’utility aretina individua e condivide con l’ente formativo i settori di intervento e le aree operative disponibili all’inserimento temporaneo degli studenti, mettendo a disposizione personale e strutture.