Monterotondo Marittimo, nuovo look e maggiore capacità per i serbatoi idrici del Fiora

Indietro

Monterotondo Marittimo, nuovo look e maggiore capacità per i serbatoi idrici del Fiora

Nuovo look e maggiore capacità per i serbatoi idrici di Monterotondo Marittimo. Nell'ambito dell'importante mole di investimenti infrastrutturali portata avanti sul territorio e in piena sintonia con l'amministrazione comunale, AdF sta concludendo una serie di interventi sui serbatoi di Poggio Berto e Razzinaie, per un importo complessivo di 371mila euro, che garantiranno la sicurezza delle due strutture e una maggiore disponibilità di acqua per gli utenti serviti.

"AdF porta avanti con costanza e determinazione il proprio impegno per il miglioramento delle infrastrutture a servizio dei comuni soci - commenta il presidente Roberto Renai - Il doppio intervento sui serbatoi di Monterotondo Marittimo, programmato e portato avanti in sinergia con l'amministrazione comunale, che ringrazio, ha consentito, tra l'altro, di adeguare i due impianti alle più recenti novità in materia di sicurezza sul lavoro, tematica che al di là delle prescrizioni normative ci sta particolarmente a cuore".

"Grazie al positivo e continuo confronto con AdF ci sono stati miglioramenti infrastrutturali che hanno permesso una consistente diminuzione dei disservizi sul nostro territorio - sottolinea il sindaco di Monterotondo Marittimo Giacomo Termine - Questo importante investimento sui serbatoi di Razzinaie e Poggio Berto corona cinque anni di lavoro finalizzato a migliorare le nostre infrastrutture. Ora, grazie al prolungamento della concessione ad AdF, l'impegno a migliorare e qualificare sempre di più le nostre infrastrutture diventa una certezza concreta".

Il rinnovato serbatoio di Razzinaie è in esercizio dalla fine di luglio: i lavori effettuati hanno portato al raddoppio delle vasche di accumulo, offrendo così una maggiore disponibilità di risorsa idrica per gli utenti. È stato inoltre effettuato il rifacimento dell'intero sistema di tubazioni, sia interno che esterno, e sono state portate a termine tutte le opere di messa in sicurezza. Per questo intervento l'investimento è stato di 160mila euro.

Il serbatoio di Poggio Berto, che presentava notevoli fratturazioni con perdite di acqua, è stato oggetto di un sostanziale intervento di messa in sicurezza che ha incluso il consolidamento della struttura, l’impermeabilizzazione delle vasche, il rifacimento completo del tetto e dell'intero sistema di tubazioni della camera di manovra, la sistemazione delle opere accessorie come le botole di accesso e i collegamenti tra le diverse parti dell'impianto, così che il personale oltre a lavorare in piena sicurezza possa anche eseguire le manovre necessarie per la regolazione dei flussi. Il serbatoio, oggetto di un investimento di 211mila euro, sarà messo in esercizio a breve, una volta terminati gli ultimi interventi che riguardano la regolazione e il telecontrollo.